La buona tavola della Penisola Sorrentina

Viaggiare per esplorare posti nuovi è un modo per rinfrancarsi con sé stessi e per ricaricare le batterie lontani da ogni forma di stress: le offerte della Penisola Sorrentina sono in questo senso quanto di meglio si possa immaginare, in particolar modo per la completezza delle loro caratteristiche che permettono davvero di accontentare tutti!

Per una vacanza classica fatta di sole e mare, entrambi i versanti riescono a stupire per i loro mari cristallini; proprio tra i due versanti si staglia il crinale dei Monti Lattari, con vedute incantevoli e la possibilità di esplorare una natura incontaminata; il turista affamato di storia e cultura non resta certo deluso, per tutte le tracce architettoniche disseminate in ciascuno dei piccoli comuni, come le ville di Ravello o i monasteri.

Noi però siamo rimasti affascinati dalle proposte enogastronomiche di un territorio che, nonostante l’esiguità e la difficoltà della coltivazione in aree così ristrette e frastagliate è riuscito comunque a conservare un’altra carta vincente, quella delle attività agricole legate alla pastorizia, alla viticoltura, alla cura dei prodotti della terra.
Proprio per apprezzare in pieno queste caratteristiche, il nostro suggerimento è affidarsi ad un agriturismo, un tipo di struttura ricettiva di cui l’intera area è disseminata. In questo modo si potrà apprezzare il contatto con la natura e vedere di persona le attività in corso dell’azienda agricola, ben sapendo che i prodotti ed i pasti che verranno proposti a tavola nascono tutti lì!
Naturalmente non è questa l’unica opzione possibile: noi ad esempio abbiamo deciso di rivolgerci ad un bed and breakfast a Vico Equense, un piccolo comune situato proprio all’inizio della penisola, in una posizione strategica.

Da lì infatti ci siamo spostati lungo la penisola, alla scoperta di vini, formaggi e tradizioni locali, grazie anche agli immancabili ristoranti che ci hanno proposto prodotti quali il Provolone del Monaco DOP, vera leccornia della locale industria casearia, e dei vini molto vivaci come quelli inclusi nelle due zone DOC Penisola Sorrentina e Costa d’Amalfi.
Non ci siamo però fatti mancare qualche tuffo in quello splendido mare che bagna Amalfi, uno dei fattori che hanno contribuito a far eleggere la sua costiera tra i Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO!

 

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *