Visite al frantoio in penisola sorrentina

Andare in vacanza per molti è sinonimo di spiagge, sole e mare, ma visitare una città, un nuovo paese non è solo sabbia bianca e acqua cristallina. Conoscere un paese vuol dire toccare con mano tradizioni, cultura e folklore. E’arricchirsi di modi diversi di pensare, usanze e abitudini. Colori, profumi e sapori che ti si attaccano addosso e che è poi difficile cancellare.

E la penisola sorrentina è uno dei luoghi di cui parlo. Oltre al paesaggio c’è di più. C’è un’anima pulsante che vive di usanze secolari, se non millenarie, come la produzione dell’olio di oliva extravergine, che ha origini antichissime, risalenti al periodo coloniale greco.
Gli antichi greci producevano un primitivo olio di oliva frantumando i frutti con rudimentali frantoi. Successivamente, l’olio ottenuto era portato in omaggio presso il santuario della dea Atena a Punta Campanella. Con il trascorrere del tempo le tecniche si sono affinate, ed insieme ad esse si sono moltiplicate le tipologie di oli prodotti in penisola.

Sorrentolio è uno dei frantoi più antichi della penisola sorrentina. L’attività del frantoio inizia a fine Ottocento, fino ad arrivare ai giorni nostri. Il frantoio si trova sulle zone collinari della penisola, un’immensa distesa di verde che ricopre le dolci colline.
L’amore per l’olio di oliva, trasmesso di padre in figlio, e la volontà di diffondere questa passione ai visitatori della terra delle Sirene, ha portato alla costruzione delle visite guidate al frantoio.

La visita si suddivide in 4 fasi:

  • Visita all’oliveto moderno e spiegazione delle tecniche di coltivazione e raccolta
  • Visita al frantoio antico e spiegazione delle antiche tecniche di raccolta
  • Visita al frantoio moderno e spiegazione delle tecniche moderne di estrazione dell’olio
  • Degustazione dell’olio

Chi ha gradito il sapore dell’oro liquido può anche procedere all’acquisto olio extravergine di oliva. Perché i souvenir golosi sono come le madelaines di Proust, sensazioni legate ad attimi di felicità…

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *